A+ A A-

SALUTO DI DON RAFFAELE PER FINE ANNO SCOLASTICO

INDIRIZZO DI SALUTO PER LA FINE DELL’ANNO SCOLASTICO Carissimi amici, benvenuti e buonasera; saluto così tutti e ciascuno di voi. Nei momenti importanti della vita, soprattutto quando la storia ci dice di dare segni concreti per testimoniare la presenza di istituzioni che servono il bene comune come questa nostra scuola, non si può tacere e la voce per l’importanza dell’evento diventa scritto perché in alcuni momenti l’emozione sovrasta le nostre intelligenze e rischia di non farci esprimere ciò che vogliamo. È tradizione di questa scuola che alla fine del cammino fatto insieme nell’anno scolastico che stiamo per salutare si tenga un momento in cui insegnanti, alunni e genitori verificano attraverso lo stare insieme ciò che si è costruito camminando passo dopo passo, vivendo la sintonia delle emozioni che questi nostri bambini con la loro vivacità, attraverso i loro sguardi hanno trasmesso e trasmettono a quanti con loro vivono e lavorano. Saluteremo quanti concludendo questo cammino si accingono ad aprire la finestra della vita che con la scuola primaria li inserisce in un nuovo mondo e soprattutto in uno stile di vita che li renderà gli uomini e le donne della nostra futura società, penso e rivedo i momenti che hanno segnato i traguardi di Matteo, Federica, Angelo-Matteo, Jacopo, Carmine-Felice, Nunzio, Angelo, Santolo, Francesca e Gianmarco che con tanta trepidazione ma anche con tanto orgoglio affidiamo alle loro famiglie e attraverso di esse al mondo che insieme dovranno costruire. Per quelli che ancora cammineranno con noi e quelli che si aggiungeranno a questo cammino, la certezza di farli crescere non risparmiandoci quando sarà per il loro bene preparandoli all’incontro con un domani sempre più difficile. Ed ora, permettetemi di fare insieme con voi la sintesi di quanto accaduto in questa tappa del nostro viaggio. Nella Scrittura leggiamo: che se si vuol costruire una torre, colui che è l’interessato si siede ne calcola la spesa e poi comincia l’opera, se non ha i mezzi si ferma perché la gente non dica: ha iniziato l’opera e non l’ha compiuta. Si, è ciò che è successo per questa nostra scuola con la differenza che dopo esserci seduti (con me, le suore, gli insegnanti e quanti ci collaborano) ed aver calcolato ogni cosa per il bene anzi per quel sogno che è di far diventare questa struttura il fiore all’occhiello della comunità Casamarcianese e della comunità Diocesana, un forte vento di parole dette e non pensate, di azioni che potevano indurci a desistere da questo sogno ha soffiato e ancora vuole soffiare cercando di penetrare in quelle fessure che apparentemente sono senza cemento per poter abbattere e distruggere servendosi di operai che hanno usato l’arte del mercenario che da lontano vuole guardare l’ovile che si svuota disperdendo ciò che si è costruito. L’arcobaleno della storia però non ha tardato, i suoi colori hanno illuminato ciò che si era scurito riportando la luce ed il calore di eventi che con caparbietà, attraversando le tante nuvole oggi ci vedono insieme per non farci rubare la speranza, anzi essere noi stessi segno di speranza in questo cammino. Farò il possibile che questo accada, chiedendo a chi con me cammina di essere sempre più una squadra impegnandosi nell’essere con coscienza e senza preconcetti ma nella gratuità e nell’umiltà di quanto si fa, punto di riferimento per noi stessi e quanti di noi vogliono servirsi. Questa è la scuola che sogno carissimi, attenta ai bisogni della comunità, pronta a costruire un momento migliore per tutti e ciascuno, segno di intelligenze e di sentimenti che all’unisono sappiano far muovere le lancette dell’orologio della vita e voi genitori e alunni: i secondi, i minuti, le ore che ci aiuteranno a volare sempre più in alto per toccare i colori dell’arcobaleno. E allora, GRAZIE: - a voi genitori che vi siete fidati e ci avete affidato le vostre creature sapendo di non essere delusi; - al Sindaco e a quanti dell’Amministrazione Comunale sono convenuti, la vostra presenza ci incoraggia e ci dice che insieme si può dare di più; - a suor Elen nostra superiora, suor Rossella e suor Leah che con il loro fare silenzioso ci aiutano a spandere tra la nostra gente il buon profumo della carità di Dio e con la preghiera costruiscono ed edificano il suo regno, attraverso di loro il saluto e la riconoscenza a madre Luigina, superiora generale non qui per impegni presi in precedenza, ci assicura la sua vicinanza e la preghiera che tutti accompagna; - agli insegnati e all’equipe di esperti che segue la nostra scuola il mio particolare grazie e l’incoraggiamento ad essere ancora e sempre segno della gratitudine evangelica nel servizio reso a questa porzione di popolo di Dio che forma la Chiesa in Casamarciano e la disponibilità ai disegni che la provvidenza vorrà per ciascuno di noi. Tutti di cuore benedico e auguro in special modo agli alunni che proseguono il cammino nella scuola primaria di essere il sogno di Dio, capaci di costruire un futuro migliore. Ad maiora e Grazie. Sac. Raffaele Rossi Casamarciano, 23 Giugno 2013
« Agosto 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
Designed by SINTESIGRAFICA

Area Riservata or Registrati

LOG IN

Per accedere a questa sezione devi essere un utente REGISTRATO ed effettuare il LOGIN